PIRODISERBO

Questa tecnica non consiste nel bruciare le parti vegetali ma nell’ottenere un

surriscaldamento, per mezzo di un bruciatore alimentato a G.P.L. allo scopo di

danneggiare le cellule vegetali delle erbe trattate.

 

Tale aumento della temperatura provoca la rottura delle cellule vegetali con

conseguente fuoriuscita del liquido linfatico e variazione nella pigmentazione delle

infestanti trattate:

- il trattamento termico è più efficace quanto più giovani sono le piante da

combattere

- le infestanti dicotiledoni si combattono più facilmente delle monocotiledoni

 

L’attrezzatura da pirodiserbo è così composto:

· n° 01 tubo calzato metallico da 10 metri

· n° 01 torcia completa di bruciatore e manico di supporto

· n° 01 riduttore di pressione completo di valvola di sicurezza